Stagione 2018/19

TEATRO D’EUROPA
STAGIONE TEATRALE 2018/19
“UN TEATRO PER TUTTI”

Un teatro è vivo solo se è produttivo, se lascia sul territorio un’atmosfera creativa e una ricaduta, se sa mettere in campo energie e prospettive nuove. Un teatro vero non può limitarsi ad avere una stagione teatrale, piuttosto deve sapere attivare percorsi formativi solidi ed ambiziosi. Sia che lo si pratichi, sia che si assista alla rappresentazione, il teatro è un’esperienza unica, emozionale, educativa e talvolta persino terapeutica. Il teatro educa alle emozioni e diventa un prezioso strumento di crescita, sia per l’attore che per lo spettatore. Le difficoltà di confronto tra le associazioni culturali locali con le amministrazioni sono state tantissime che portano a compiere al Teatro d’Europa una scelta di campo, quella dell’autonomia, che diventa così il faro di ogni attività delle associazioni, anche quando si cominciano ad allestire Stagioni Teatrali, autofinanziati dagli associati. Sin dalla sua nascita, dunque, il teatro si impegna ad essere uno strumento di aggregazione e di partecipazione per il territorio. Questa storia di autonomia, autoproduzione volontaria e di impegno in un territorio molto particolare, in quel Sud spesso dipinto come luogo dell’abbandono e del disinteresse, oggi si arricchisce con un nuovo percorso e nuovo slancio. La nascita dell’Associazione Consorzio Teatro Irpino fondata dal Teatro d’Europa e dal Teatro 99 posti con lo scopo di facilitare e sostenere le produzioni Irpine di qualità ed assicurarne la distribuzione.

Sabato 06 ottobre ore 20.30
Domenica 07 ottobre ore 19.30
COMPAGNIA TEATRO D’EUROPA
Presenta ANGELA CATERINA e LUIGI FRASCA
in MA PER FORTUNA E’ UNA NOTTE DI LUNA PIENA
di Ermanno Carsana regia LUIGI FRASCA

In una notte di luna piena, due ladri sgangherati tentano goffamente di derubare Madame, la padrona di casa, del suo celeberrimo e prezioso diadema, all’interno della villa gentilizia, dove, la stessa figlia, con un poco complice fidanzato e soprattutto poco probabile, cerca di accaparrarsi, lei stessa, il gioiello. Il tutto è seguito e quasi molestato da un investigatore privato che complica, invece di risolvere. Fondamentale, per un tocco ulteriore di comicità, apparirà, nella trama travolgente, il promesso sposo della figlia con un mal di denti cronico.
______________________________________________________________________________

Sabato 27 ottobre ore 20.30
Domenica 28 ottobre ore 19.30
COMPAGNIA DELL’ECLISSI
Presenta L’ARTE DELLA COMMEDIA
di Eduardo De Filippo regia MARCELLO ANDRIA

Oreste Campese, un capocomico di vecchia scuola che percorre in lungo e in largo la Penisola con la sua modesta compagnia, portando nelle piazze di provincia l’arte e la tradizione secolare del teatro girovago, a seguito dell’incendio del suo capannone si rivolge al prefetto De Caro, massima autorità locale, per chiedere aiuto. Ne nasce un dialogo dai tratti ironici, ma dal fondo accorato e moralmente rigoroso, sul significato e sulla funzione sociale del teatro e dell’attore, che appare oggi di indubbia attualità.
Attorno ai due antagonisti ruotano dei personaggi dalla forte caratterizzazione emblematica – un medico, un prete, una maestra elementare, un farmacista – ciascuno dei quali porta in scena con passione e calore la logica profonda della propria identità, insinuando il dubbio che il confine fra verità e finzione sia così labile da non consentire di distinguere l’una dall’altra. In bilico sul filo sottile che divide l’umanità reale da quella rappresentata sulla scena, raccontano storie così complicate e inquietanti da apparire verosimili, tanto paradossali da poter risultare credibili. Il susseguirsi delle continue ambiguità si risolverà in un finale sospeso, che lascia la porta aperta a tutte le possibili varianti del gioco teatrale.
________________________________________________________________________

Sabato 17 novembre ore 20.30
Domenica 18 novembre ore 19.30
WONDER BAND LIVE
Presenta THE WONDER BAND TRIBUTE
Concerto con: Voice Antonia Criscuolo – Guitar GIANMARIA PASTORE – Bass VITO MORCALDI – Sax COSTA ELIA – Drums DAVIDE CANTARELLA – Key RAFF RANIERI

Un progetto basato sulla ricerca e la contaminazione della discografia Black music con dei musicisti che singolarmente sono impegnati in progetti di musiche extra Colte, world music , Latin jazz . Ma in questo progetto dedicano tutto il loro background ad una ricerca basata sul racconto e la storia di uno dei più grandi artisti di spicco del Panorama Black music Soul funky , dell’ afro american music !!
Stevie Wonder! Sarà un viaggio che ci porterà indietro negli anni , accompagnandoci fino ad oggi tra melodie e ricordi !!
__________________________________________________________________

Sabato 01 dicembre ore 20.30
Domenica 02 dicembre ore 19.30
COMPAGNIA TEATRO D’EUROPA
Presenta LUCIO BASTOLLA ANGELA CATERINA LUIGI FRASCA
in LA BANDA DEGLI ONESTI
di Age e Scarpelli regia LUCIO BASOLLA

Versione teatrale dell’omonimo film interpretato da Totò e Peppino De Filippo, che si innesta a pieno titolo in quel filone cinematografico denominato commedia all’italiana. Al divertimento s’intreccia una garbata polemica sociale, l’ansia che coinvolse gli italiani del secondo dopoguerra nel rincorrere a tutti i costi il benessere economico. Un’umanità “minore”, vessata da ricchi e prepotenti, si coalizza in una velleitaria rivincita adottando i metodi scorretti dei loro persecutori, ma senza riuscirci per eccesso, appunto, di onestà. Prima di morire, il signor Andrea, ex dipendente della Zecca dello Stato, dona ad Antonio Bonocore, portiere di uno stabile popolare, una valigia contenente alcuni cliché originali e della carta filigranata con cui poter stampare biglietti di banca da 10.000 lire. Bonocore, dopo mille ripensamenti, decide di non disfarsi della valigia. Ignorando, però, le tecniche di stampa delle banconote chiede la collaborazione del tipografo Giuseppe Lo Turco e del pittore Cardone, facendo leva sui loro bisogni economici. Dopo un primo diniego il tipografo e il pittore accettano, dando vita a una sgangherata banda di falsari.
________________________________________________________________________
Sabato 15 dicembre ore 20.30
Domenica 16 dicembre ore 19.30
TEATRO 99 POSTI – 99LAB
Presenta ‘O SUONN’ Oltraggio a Shakespeare
Scritto e diretto da PAOLO CAPOZZO

Con questo lavoro vogliamo rendere omaggio a William Shakespeare e al suo “Sogno”, esaltandone la capacità di adattarsi ai tempi e ai luoghi, senza perdere nulla della forza teatrale che lo contraddistingue. Abbiamo tentato di salvaguardare gli aspetti salienti del “Sogno di una notte di mezza estate”: il carattere favolistico del racconto, la comicità di cui è intessuto, la bizzarria dei personaggi e la forza delle loro passioni. Al tempo stesso però li abbiamo riabitati con un ‘altra lingua, in un altro tempo storico, sotto altre vesti. Insomma è Shakespeare, ma non lo è.
________________________________________________________________________
Sabato 05 gennaio ore 20.30
Domenica 06 gennaio ore 19.30
COMPAGNIA QUELLI CHE…IL TEATRO
Presenta ROSARIO VERDE E MARCO LANZUISE
in 2 MARITI X UN BEBE’
regia VERDE – LANZUISE

La rappresentazione è incentrata sulla storia di Antonio, che aveva una piccola fabbrica di scarpe, poi fallita. Antonio è sposato con Carla, che è costretta ad andare a vivere insieme al marito, momentaneamente, a casa di Pasquale, fratello maggiore di Antonio. La convivenza, però, non si rivela facile. Antonio ha un carattere debole ed è innamorato perdutamente della moglie. Un giorno il commendatore Mario De Pretis entra in casa per chiedere una informazione e viene folgorato alla vista di Antonio perché è identico al figlio.
___________________________________________________________________

Sabato 19 gennaio ore 20.30
Domenica 20 gennaio ore 19.30
TEATRO 99 POSTI – Co.C.I.S.
Presenta MAURIZIO PICARIELLO E PAOLO CAPOZZO
in STORIE DI TERRA DI SUONI E DI RUMORI
di Paolo Capozzo regia GIANNI DI NARDO

Dopo secoli passati in balia di vermi e ratti, spuntando come piante dalla terra dove erano stati sotterrati, còmpa Mostino e còmpa Prisco tornano alla luce. La terra che li aveva inghiottiti, seppellendoli sotto centinaia di anni di storia, sotto tonnellate di detriti della memoria, li partorisce di nuovo. Proprio così, rinascono! Si affacciano di nuovo alle speranze di una vita migliore. Hanno un’altra occasione di riscatto da un’esistenza di stenti e di soprusi.
Riavvolto il nastro della propria (e della nostra) memoria, i nostri due Compari intraprendono un viaggio che ripercorre tutto il 20esimo secolo, nella speranza di un destino diverso da quello che il “fato” gli ha imposto sinora. Improbabili soldati di guerre volute da altri, complici e vittime di catastrofi e disastri ambientali, i nostri due “candidi” eroi affrontano con disarmante ingenuità tragedie devastanti. Dalla grande guerra (1915) alla liberazione (1945), alle lotte sociali sedate nel sangue (1950), al terremoto (1980), alla crisi dei rifiuti (2003). Ogni volta Mostino e Prisco accettano, rassegnati, l’ennesima sconfitta (“nui simmo sfurtunati”), con l’ingannevole illusione che gli basterà “morire e rinascere” per avere un destino diverso.
__________________________________________________________________

Sabato 16 febbraio ore 20.30
Domenica 17 febbraio ore 19.30
COMPAGNIA STABILE NAPOLINCANTO
(SALONE MARGHERITA-GAMBRINUS)
Presenta LUCIANO CAPURRO-ALESSIA MOIO-SASA’ TRAPANESE
in L’ACQUA E’ POCA…MA A PAPERA GALLEGGIA!
di LUCIANO CAPURRO

I proverbi e i modi di dire di una lingua ne raccontano la storia e la filosofia. Fedelmente scritti e riportati , hanno la capacità di narrare la cultura di un intero popolo, tra fatti e trascorsi storici riescono a mantenere, grazie alla propria lingua, un’identità significativa. Espressioni colorite, a volte crude, altre volte tenere, oppure sarcasticamente argute, sono la valvola di sfogo del popolo vesuviano immerso in mille problemi. A qualcuno resta difficile coglierne la sottile ironia ed il loro significato, ma grazie allo spettacolo messo in scena ,gli artisti, condurranno per mano il pubblico, tra esilaranti interpretazioni comico-musicali e quadri di grande emozione.
______________________________________________________________________________

Sabato 23 marzo ore 20.30
Domenica 24 marzo ore 19.30
Presenta
ANGELA CATERINA
in FUORI C’E’ IL SOLE
Di Angela Caterina regia LUIGI FRASCA

Cherì e i suoi occhi, Cherì e i suoi specchi. Un vortice che risucchia i personaggi quasi a contaminarli di quel vuoto donato alla donna stessa che aspetta di rivedere il sole che non nasce, che non muore. Alla ricerca di quell’amore promesso sulle labbra di molti spergiuri che hanno fatto di questa parola una menzogna da baciare prima dell’addio. Usato il corpo di Cherì, divorato il suo animo, immagini deformi accompagnano la sua vita, in quella stanza, deforme, ma non la speranza di uscire fuori da quella porta che avrebbe svelato la luce, l’attesa.
______________________________________________________________________________

Sabato 13 aprile ore 20.30
Domenica 14 aprile ore 19.30
COMPAGNIA TEATRO D’EUROPA
Presenta ANGELA CATERINA e LUIGI FRASCA
in MIO PADRE ERA UN UOMO ECCEZIONALE
tratto dal film Funeral party di frank Oz e Dean Craig
adattamento teatrale a cura di Angela Caterina regia LUIGI FRASCA

Una sconclusionata famiglia inglese si riunisce al funerale del patriarca nella grande casa natale. Le tensioni familiari crescono e vecchi conflitti mai sopiti tornano a galla. Ma la situazione esplode quando un uomo misterioso si presenta al funerale e ricatta i figli minacciando di rivelare l’oscuro segreto del defunto. I due figli faranno di tutto per evitare che la vergognosa notizia trapeli e che i parenti vengano a conoscenza di tale segreto. Quello che dovrebbe essere un giorno di raccoglimento si trasforma così in una rocambolesca catastrofe.

ABBONAMENTO UNICO A 10 SPETTACOLI EURO 75
BIGLIETTO INTERO Euro 10,00
RIDOTTO (ANZIANI, STUDENTI, CRAL) Euro 8,00
RIDOTTO RESIDENTI ATRIPALDA; AIELLO, SERINO, SAN MICHELE, SANTO STEFANO (LOCUS TEATRO) Euro7,00
RIDOTTO RESIDENTI CESINALI (LOCUS TEATRO) Euro5,00

FUORI ABBONAMENTO

Sabato 22 dicembre ore 20.30
Domenica 23 dicembre ore 19.30
COMPAGNIA TEATRO D’EUROPA e  Gruppo d’Arte Drammatica e Sperimentale “Carmine Fernando Venezia” di Cesinali.
Presenta NINNA NANNA PER UNA MAMMA DI BETHLEM (Terra di Giuda)
di FERDINANDO VENEZIA
Regia LUIGI FRASCA

La Natività di Gesù rappresenta sicuramente il momento più alto e significativo del calendario cristiano. Ogni anno questo miracolo si rinnova, con la sua promessa di salvezza. È il mistero di tutti i misteri, l’atto d’amore immenso di un Dio per i suoi figli, perpetrato nei secoli per rinnovare un’Alleanza antica e sempre nuova. Lo spettacolo teatrale scritto da Carmine Fernando Venezia si avvarrà della collaborazione del Gruppo d’Arte Drammatica e Sperimentale “Carmine Fernando Venezia” di Cesinali e ha come obiettivo quello di creare un appuntamento stabile a Cesinali il periodo di Natale che esalti il binomio teatro e turismo religioso/culturale.
______________________________________________________________________
Sabato 09 febbraio ore 20.30
Domenica 10 febbraio ore 19.30
COMPAGNIA TEATRO D’EUROPA
Presenta IL MURALE DELLA PACE
di Angela Caterina
Regia LUIGI FRASCA

Il Murale della Pace è un affresco realizzato nel 1965 dal pittore avellinese Ettore de Conciliis nella chiesa di San Francesco d’Assisi in via Fontanatetta a Borgo Ferrovia di Avellino fu commissionato dal parroco don Ferdinando Renzulli e dal vescovo di Ariano mons. Pasquale Venezia. La monumentale opera parietale, di metri 22 x 6,30, occupando complessivamente una superficie di oltre 130 mq., è suddivisa in due parti e vuole rappresentare i temi della guerra, sul lato destro, e della pace, sul lato sinistro. Questa gigantesca pittura diede luogo a feroci polemiche e suscitò un vivace dibattito con accese contestazioni per l’innovativa interpretazione del soggetto rappresentato e per la rottura degli schemi tradizionali con una rappresentazione iconografica inadatta in una chiesa. Il murale diventa ispiratrice di un’opera teatrale per riaffermare quella che costituisce una testimonianza coraggiosa e, come affermava don Renzulli, deve essere osservato come una preghiera e vuole essere una rappresentazione della fratellanza tra i popoli, al di là delle confessioni e delle ideologie, attraverso il dialogo e la comprensione. E in questo senso l’opera è e rimane un grande segno dell’arte contemporanea.

IL BOTTEGHINO E’ APERTO NEI SEGUENTI ORARI:
dal martedì al venerdì dalle 17.30 alle 20.00
sabato dalle 10.00 alle 12.00