Prossimi Spettacoli

_______________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________

Sabato 17 novembre ore 20.30
Domenica 18 novembre ore 19.30
WONDER BAND LIVE
Presenta THE WONDER BAND TRIBUTE
Concerto con: Voice Antonia Criscuolo – Guitar BEN ROMANO – Bass VITO MORCALDI – Sax COSTA ELIA – Drums DAVIDE CANTARELLA – Keyboard GUGLIELMO SANTIMONE

Un progetto basato sulla ricerca e la contaminazione della discografia Black music con dei musicisti che singolarmente sono impegnati in progetti di musiche extra Colte, world music , Latin jazz . Ma in questo progetto dedicano tutto il loro background ad una ricerca basata sul racconto e la storia di uno dei più grandi artisti di spicco del Panorama Black music Soul funky , dell’ afro american music !!
Stevie Wonder! Sarà un viaggio che ci porterà indietro negli anni , accompagnandoci fino ad oggi tra melodie e ricprdi
________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________
Sabato 01 dicembre ore 20.30
Domenica 02 dicembre ore 19.30
COMPAGNIA TEATRO D’EUROPA
Presenta ANGELA CATERINA – CARMINE IANNONE – LUIGI FRASCA
RIDERE CON PEPPINO E…HO DETTO TUTTO! regia LUIGI FRASCA

Due atti unici di Peppino De Filippo: Miseria bella e Una persona fidata. «Fare piangere è meno difficile che far ridere. Per questo, teatralmente parlando, preferisco il genere farsesco. Io sono sicuro che il dramma della nostra vita di solito si nasconde nel convulso di una risata provocata da un’azione qualsiasi, che a noi è sembrata comica.» Diceva Peppino e sicuramente il teatro comico è e resta quello di più difficile da scrivere e interpretare; trasformate i problemi in opportunità.
Ce lo dice, sempre il grande Peppino: “Ho sempre sostenuto, sostengo e sosterrò, che in qualsiasi epoca e momento, solo il mattatore può identificarsi nel vero teatro (…) per il godimento di quel pubblico che lo ama, lo preferisce e che rifiuta le sale teatrali adibite ad aule universitarie e a sale del popolo per il tetro gusto del regista Dr Tizio di sinistra o di destra… come purtroppo oggi è d’uso.” Poi dice che uno ama Peppino De Filippo.